mercoledì 21 novembre 2012

Torta salata di “pasta matta” con scarola


Si chiama matta non perché sia capace di qualche pazzia, ma per la semplicità colla quale si presta a far la parte di stival che manca in diversi piatti, come vedrete. Spegnete farina con acqua e sale in proporzione e formate un pane da potersi tirare a sfoglia col matterello.
Così Pellegrino Artusi in La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene presentava questo semplice impasto di acqua e farina che ho pensato di utilizzare per racchiudere il classico ripieno di scarola, uvette, olive, capperi e alici.







Ingredienti
Per la pasta matta:
200 gr. di farina 0
3 cucchiai di olio extra vergine di oliva
100 ml circa di acqua fredda
sale


Ripieno:
500 g di scarola
150 g di uvetta
100 g di olive verdi denocciolate
10 filetti di alici sott’olio
1 cucchiaio di capperi
1 spicchio di aglio
peperoncino
olio extra vergine di oliva
sale

pan grattato q. b.


Preparazione:
In una ciotola si setaccia la farina, si unisce l’olio extra vergine di oliva, il sale e si impasta aggiungendo un po’ di acqua fredda per volta, si lavora finché l’impasto risulta omogeneo e liscio. Si copre con la pellicola trasparente e si lascia riposare minimo per mezz’ora.

Nel frattempo, si monda e si lava la scarola. In una pentola si fa imbiondire l’aglio in olio extra vergine di oliva, peperoncino e i filetti di alici. Si unisce la scarola, si copre e si lascia cuocere a fuoco moderato per 15-20 minuti circa, fino a far perdere l’acqua di vegetazione. Una volta cotta si uniscono le olive tagliate a rondelle e i capperi. Si lascia raffreddare.

Si rivesta una teglia di carta da forno, si stende una parte della pasta, si riveste la teglia, si formano dei buchi con i rebbi della forchetta, si mette un po’ di pangrattato, si versa la scarola e si ricopre con un altro disco di pasta matta. Si chiudono bene i bordi, si unge la superficie di olio extra vergine di oliva e un po’ di sale. Si fanno dei buchi con la forchetta, s’inforna a forno ben caldo a 200° per 40-50 minuti, finché non sarà dorata la superficie. 






13 commenti:

  1. Mi piace tantissimo questa torta rustica...apprezzo molto la scarola e poi ti è venuta bella bella! :)
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  2. A me la pasta matta piace perchè è friabile e con il tuo ripieno diventa una vera bontà. Bellissima anche la presentazione.Ciao.

    RispondiElimina
  3. La pizza di scarole di solito la preparo con la pasta per la pizza, mi piace la tua versione con la pasta matta, proprio da provare!

    RispondiElimina
  4. che golosa questa tortina salata....ottima cara!
    bacioni

    RispondiElimina
  5. Che bell'aspetto questa torta e sembra anche semplice!!

    RispondiElimina
  6. ultimamente sto cercando di abolire le paste sfoglie e briseè comperate ed artificiali, creandomi da sola la mia pasta matta per torte salate...
    Vuoi mettere il risultato?! Molto più sano!
    la tua versione è appetitosissima.................

    RispondiElimina
  7. Questa pasta leggera al posto della più classica sfoglia o brisèe mi piace molto. Matti si sarebbe a non sfruttarla :) E con quel saporito ripieno si trasforma in una torta salata davvero favolosa. Un bacio, buona giornata

    RispondiElimina
  8. Io non l'ho ancora mai provata a fare eppure ne sento parlare sempre molto bene. Mi segno la ricetta :-) Mi ispira un sacco! Bacioni carissima, buona giornata!

    RispondiElimina
  9. Considerando che io adoro troppo la verdura e la scarola.....lo considero un piatto fantastico... a volte la preparo con la pizza rustica ma essendoci l'uovo l'impasto è più pesante..Proverò senza dubbio la tua :) Brava :)

    RispondiElimina
  10. buona,buona,buona, la scarola mi piace un sacco e avvolta da questa pasta è ancora più invitante!

    RispondiElimina
  11. Questa versione della torta di scarola alleggerita mi piace davvero tanto, buona domenica!

    RispondiElimina

Grazie per i commenti e consigli, sono sempre ben accetti.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...