martedì 6 maggio 2014

Quanti modi di fare e rifare la Quiche lorraine

Con Quanti modi di fare e rifare siamo andati da Dany per fare la Quiche lorraine, un piatto tipico della Lorena. Ho letto che la ricetta della Quiche lorraine è antica, si pensa che risalga al XVI secolo; in origine prevedeva al posto della pasta brisée la pasta del pane.
Per essere considerata una vera quiche lorraine, il composto deve esser fatto solo con la “migaine”: uova e crème fraîche a cui si aggiunge la pancetta affumicata. Se è presente il formaggio, in genere gruviera o emmental, è la Quiche Vosgienne. Quindi, nel mio caso si tratta più di Quiche Vosgienne.
Ho fatto solo pochissime modifiche alla ricetta fornita da Dany, ho sostituito la pancetta affumicata con il guanciale e l’ho un po’ rosolato in padella. Ho aggiunto la noce moscata al composto di uova e panna e gruviera, non ho messo il parmigiano.

 Fonte: 
Annalisa Barbagli, Stefania Barzini, Pane, pizze e focacce, 2011




Pasta brisée pancetta gruviera panna uovo noce moscata





Per la ricetta rimando al blog Profumo di zenzero e cannella

Ingredienti per 4 stampi di 12 cm di diametro

Pasta brisée:
200 g di farina 00
90 g di burro freddo
70-80 ml di acqua  (dipende dall'assorbimento della farina)
5 g di sale


Ripieno:
150 g di pancetta (io guanciale)
80 g di gruviera grattugiata o emmental
100 ml di panna fresca
1 uovo
noce moscata
sale
pepe  nero


Preparazione:
In una terrina si setaccia la farina, si aggiunge il burro freddo tagliato a pezzetti, il sale, si lavoro fino ad ottenere delle briciole, man mano si aggiunge l’acqua. Si lavora fino ad ottenere un composto omogeneo e liscio. Si avvolge in una pellicola trasparente e si mette in frigo minimo per 30 minuti.

Si taglia la pancetta (io guanciale) in piccoli dadini, si mette in un pentolino antiaderente e si fa sciogliere lentamente il grasso a fuco basso per alcuni minuti, poi si scola e si mette da parte. 
In una terrina si mette l’uovo, la panna, il pizzico di sale, il pepe e la noce moscata; si mescola il tutto con la frusta.

Passato il tempo di riposo della brisée, si divide in quattro parti e si stendono quattro dischi di 3-4 mm di altezza.  Si rivestono gli stampi in precedenza imburrati e infarinati, con la pasta brisée, si bucherellare il fondo con i rebbi di una forchetta, si ricoprire  il fondo con fogli di carta forno e con dei fagioli secchi, si mettono in forno caldo a 180° C per 10 -15 minuti, poi si tolgono i fagioli e la carta forno. Si distribuisce la pancetta e un po’ di formaggio, poi la miscela di panna e uovo, infine il formaggio. Si rimette in forno per altri 15 minuti circa, dipende dal forno, finché il ripieno si rassoda e si dora.
Si può mangiare sia tiepida che fredda.




Pasta brisée ripiena di pancetta gruviera panna noce moscata









Quanti modi di fare e rifare...



Appuntamento al 6 giugno con le

Tortelli di San Giovanni
Tra cucina e PC










27 commenti:

  1. Buongiorno cara Fr@!
    Che bello ritrovarsi anche questo mese per spignattare tutte insieme, questa volta nella cucina di Dany, tante bellissime appetitose quiche! Anna e Ornella ti ringraziano con simpatia e affetto per essere stata con noi e ti ricordano l'appuntamento di giugno con i Tortelli di San Giovanni!
    Un grande abbraccio
    Cuochina

    RispondiElimina
  2. Quanto è buona..e si presta davvero a tante varianti.. baci e buona giornata :-)

    RispondiElimina
  3. buongiorno Fr@ un saluto anche a te! Ma quanto è buona la quiche è?

    RispondiElimina
  4. questo è un classico che mi piace tantissimo!

    RispondiElimina
  5. Un classico dal gusto unico, buonissima!!!!

    RispondiElimina
  6. Ciao Frà, sai che non conoscevamo "quanti modi di fare e rifare", andremo subito a vedere:) Buonissime le quiche, da fredde poi, ancora meglio ! Carinissime così, porzionate! Ne prendiamo 2 grazie ^^ Buona giornata, bacioni!

    RispondiElimina
  7. Ciao Fra, golosissime anche le tue quiches! Bacioni

    RispondiElimina
  8. Buona e appetitosa anche questa quiche, una più bella dell'altra!!!
    Alla prossima ricetta
    Donatella

    RispondiElimina
  9. Belle e buone anche le tue quiche, le tue foto sono sempre bellissime, complimenti.
    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  10. Direi che questa versione è quella che adoro. Mi hai fatto venir fameeeee... buona serata.

    RispondiElimina
  11. Adoro la quiche lorraine, mi piace che hai proposto la versione originale.

    RispondiElimina
  12. sono molto affezionata a questa quiche ,è la prima che ho fatto tanti anni fa e da lì non mi sono fermata più, sono preparazioni che adoro ! Un abbraccio

    RispondiElimina
  13. buonissima! io l'adoro ed era un po' che non la facevo!

    RispondiElimina
  14. ciao cara bella come al solito la tua ricetta...un abbraccio

    RispondiElimina
  15. Ciao Fr@, buonissima con il guanciale e la noce moscata, alla prossima!

    RispondiElimina
  16. Buonissima la tua quiche , vado subito a leggere le altre ricette . Un abbraccio, buona serata Daniela.

    RispondiElimina
  17. un classico che anche se fatto in modi diversi, è sempre squisito e poi la tua versione è così invitante!!!!

    RispondiElimina
  18. ciao Fr@,
    sei sempre bravissima e la tua Quiche Vosgienne, fotografata così bene,
    fa venir voglia di assaggiarla!!
    Un bacio dalle 4 apine

    RispondiElimina
  19. Splendide sono perfette complimenti anche per la presentazione !!!!
    Un bacione ;-)))

    RispondiElimina
  20. davvero bellissime e con foto da professionista, davvero brava!

    RispondiElimina
  21. Ti son venute benissimo! Complimenti!
    Terry

    RispondiElimina
  22. Ahhh belli i fiori di acetosella, sai che le foglioline sono commestibili, io le ho usate in alcune ricette! :)

    RispondiElimina
  23. splendide! E quei fiorellini aumentano l'idea di comfort food, di tranquillità rustica che mi fanno venire in mente queste tue quiche.
    Buon sabato e sorrisi per te

    RispondiElimina

Grazie per i commenti e consigli, sono sempre ben accetti.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...