venerdì 26 settembre 2014

Polpo alla cretese

A Mikonos appendono i polpi all’aria aperta per farli asciugare e poi li servono in un piattino all’imbrunire, al calar del sole, e non c’è sfintere dell’anima e del corpo che non si apra. Perciò sono state attribuite al polpo greco proprietà di iniziazione sessuale che forse sarebbe meglio attribuire al sole o ad altri “ingredienti” ambientali.
Eppure, nella ricetta che stiamo trattando, il finocchietto selvatico e il vino rosso completano una proposta peccaminosa che il palato coglie subito. Vale a dire, il palato adopera un decodificatore dei sapori e sa bene che finocchietto e vino rosso vogliono dire: bàgnati e lascia fare.
  Manuel Vásquez Montalbán, Ricette Immorali


Questa ricetta l’ho tratta dalle Ricette Immorali dello scrittore Manuel Vásquez Montalbán, creatore dell’investigatore gastronomo Pepe Carvalho e dispensatore di ricette nei suoi romanzi (da me provate qui e qui). Questo libro, invece, è una sorta di trattato enogastronomico-sessuale in cui l’autore seguendo l’associazione di idee tra cibo e sessualità, fornisce una serie di ricette come questa che è ottima. Nella ricetta è indicato il finocchietto selvatico, io ho aggiunto anche i semi di finocchio che mi hanno ricordato un magnifico Polpo in pignata che mangiai in un ristorante di Otranto l’hanno scorso.



Polpo alla cretese



Ingredienti:
600 o 700 g di polpo
1 cipolla bianca
1 mazzetto di finocchietto selvatico tritato
1 cucchiaino di semi di finocchio (aggiunta)
3 o 4 pomodori pelali
25 cl di vino rosso
3 o 6 cucchiai di olio di oliva
sale
pepe nero
prezzemolo (aggiunta)


Preparazione
Si taglia il polpo a pezzi spessi un dito. Si scalda l’olio nella casseruola, si aggiunge la cipolla tagliata a pezzetti, si fa soffriggere sino a quando diventa chiara. Si aggiunge il polpo ed il vino. Si copre la casseruola e si lascia cuocere a fuoco basso per quindici minuti. Si aggiunge il finocchietto e i semi di finocchio, i pomodori tagliati a pezzi, il prezzemolo, si sala e si pepa. Si copre e si fa cuocere a fuoco basso fino a quando il polpo diventa tenero (dopo 50 minuti o 1 ora). Si può mangiare caldo o freddo.






19 commenti:

  1. ricetta nuova questa per me, la provo di sicuro! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  2. con il finocchietto non l'ho mai mangiato, da provare!

    RispondiElimina
  3. Molto interessante.. ma dimmi.. ha avuto effetto su di te? :-).. smackkk

    RispondiElimina
  4. Non adoro particolarmente il sapore del finocchietto, ma una cottura così prolungata e "umida" mi piace moltissimo e mi incuriosisce sulla delicatezza del piatto.

    RispondiElimina
  5. Amo tutti i sapori di questi piatto e la cottura nel coccio mi piace un sacco. Buon fine settimana

    RispondiElimina
  6. Divino questo polpo......lo provero' assolutamente!!!

    RispondiElimina
  7. Ahhhhhhhh inutile dirti che mi hai incuriosita.....e cerchero' questi libri da te citati........

    RispondiElimina
  8. una ricetta nuova, con accostamenti diversi per preparare un piatto di sicuro successo. Complimenti.

    RispondiElimina
  9. L'accostamento dei sapori è estremamente promettente ... intrigante ... da provare!!!
    Complimenti, splendida realizzazione!!!!

    RispondiElimina
  10. Ho avuto la fortuna di mangiare un polpo pescato da mio marito tantissimi anni fa ora si trova solo surgelato almeno nella mia città ma non è la stessa cosa. Prendo nota di questo cretese mi sfagiola provarlo. Buona fine settimana.

    RispondiElimina
  11. Adoro il polpo e trovo questa ricetta molto appetitosa... mi piace, brava!!!
    Buona serata...

    RispondiElimina
  12. Una riceta davvero sfiziosa che non conoscevo, voglio assolutamente provarla. Un abbraccio, Daniela.

    RispondiElimina
  13. Potessi averne un bel cocetto qui proprio ora ;)

    RispondiElimina
  14. che delizia! ci farei una bella puccia con il pane :)!

    RispondiElimina
  15. Che squisitezza! Dall'aspetto sembra tenerissimo, il polpo ci piace tantissimo anche se lo cuciniamo raramente...ricetta decisamente da provare!
    Buona serata!

    RispondiElimina
  16. mi hai fatto venire una gran voglia di leggere il libro e di assaggiare questo polpo!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  17. ho letto il libro era molto divertente, gran bella versione del polpo

    RispondiElimina
  18. Ma che bei sapori in questo polpo, bravissima, ottima ricettina! Bacioni

    RispondiElimina
  19. Non ho mai letto nulla di suo ma tra la tua ricetta e la citazione mi hai proprio invogliato! Amo il polpo! :)}

    RispondiElimina

Grazie per i commenti e consigli, sono sempre ben accetti.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...