venerdì 26 giugno 2015

Bocconcini

Ecco come ho utilizzato parte della conserva di cedro, con questi deliziosi pasticcini. I bocconcini sono dei pasticcini di mandorle, zucchero e conserva di cedro, poi cotti in forno. Sono molto comuni in Sicilia, una volta erano prodotti come altri dolci tipici, esclusivamente nei conventi femminili; attività che produceva ritorni economici per sostentarsi. Come si legge in Mandorle amare, una storia siciliana tra ricordi e ricette di Maria Grammatico e Mary Taylor Simeti, la caratteristica della ricetta delle suore di San Carlo è che gli ingredienti sono impastati insieme, invece i bocconcini realizzati in altri monasteri siciliani come alla Badia Nuova di Alcamo la conserva di cedro è utilizzata come ripieno da mettere al centro. Le suore di Alcamo ancora oggi producono bocconcini, però solo per regalarli, hanno smesso di venderli da quando l’introduzione dell’Iva ha reso difficile la contabilità.








Come è indicato nel libro in mancanza della conserva di cedro si può utilizzare la marmellata di limoni, ma questa deve essere piuttosto densa.

Ingredienti:

Per 30 pasticcini (io ho fatto metà dose ne sono venuti 15 circa)

450 g di mandorle pelate
340 g di zucchero semolato più altro zucchero per la lavorazione
340 g di conserva di cedro
2 cucchiaini di estratto di mandorla (se desiderato)


Preparazione:

Si tritano le mandorle con lo zucchero fino ad ottenere una consistenza farinosa, simile al couscous. Si aggiunge la conserva di cedro ed eventualmente l’estratto di mandorla, si comincia a lavorare il composto aggiungendo un cucchiaio di acqua poco alla volta fino a quando l’impasto non comincerà a rapprendersi. Si continua a lavorare il composto su un ripiano cosparso di zucchero semolato, poi si divide in quattro parti, si formano dei tronchetti di 4 cm circa, si tagliano in pezzetti lunghi 2.5 cm. Si arrotola ciascun pezzetto tra le mani, si rotola nello zucchero e si appiattisce un po’. Si dispongono su una teglia rivestita di carta forno ad una distanza di 2 cm circa, si mettono in forno caldo a 200° C, per 15 minuti circa, finché i dolcetti non diventeranno dorati. Si lasciano riposare sulla teglia per 5 minuti, poi si trasferiscono su una griglia a raffreddare. Si conservano in un contenitore chiuso.





21 commenti:

  1. questi pasticcini sono strepitosi!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  2. che delizia ,bocconcini golosi,complimenti e buon venerdì

    RispondiElimina
  3. Deliziosi e anche molto eleganti questi bocconcini! :)

    RispondiElimina
  4. Devono essere uno tira l'altro!!!! baci e buon w.e. :-)

    RispondiElimina
  5. Immagino il sapore , devono essre buonissimi . Complimenti Francesca. un saluto, Daniela.

    RispondiElimina
  6. ultimamente ho la fissa del cedro. ho sempre amato i pasticcini di mandorle, questi devono essere sublimi :)
    un bacio, buon fine settimana

    RispondiElimina
  7. Golosissimi i tuoi bocconcini e molto profumati !

    RispondiElimina
  8. Ecco la tua deliziosa conserva di cedro.... golosissimi questi bocconcini, complimenti!!!

    RispondiElimina
  9. Posso solo immaginare la bontà di quei bocconcini,che manine d'oro avevano le suore,ci hanno lasciato dei dolci divini!Fra te ne rubo un paio,giuro che uno è per la mia amica...sempre se arriva presto!:-)Un bacione cara!

    RispondiElimina
  10. Che buona deve essere la conserva di cedro per non parlare di questi pasticcini che mi piacerebbe tanto provare.
    Ricetta che non conoscevo.
    Baci.

    RispondiElimina
  11. Ne immagino la bontà, grazie per aver condiviso questa ricetta preziosa!
    Un abbraccio cara e buon fine settimana!!!

    RispondiElimina
  12. molto golosi, dubito me ne basterebbe uno solo !

    RispondiElimina
  13. No, vabbé, adesso il cedro LO VOGLIO!!!!!!!!!!!! Ma che meraviglia sono questi bocconcini!!!! Grande!

    RispondiElimina
  14. deliziosi davvero... che gusto di Sicilia <3

    RispondiElimina
  15. adoro i pasticcini di mandorla e questi con il cedro devono essere superlativi!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  16. Ed io che mi sono limitata a mangiare la marmellata di cedro col pane!!!! Chissà che buoni!!!!

    RispondiElimina

Grazie per i commenti e consigli, sono sempre ben accetti.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...