giovedì 21 gennaio 2016

Sfogliata canosina


Il dolce di oggi nasce da un ricordo dopo aver visto un quadro di un artista americano del XIX secolo Raphaelle Peale, considerato come il primo pittore professionista di nature morte negli Stati Uniti. Egli elabora uno stile che risente molto delle nature morte spagnole seicentesche il “bodegón” in particolare di Juan Sanchez Cotán (già fonte d’ispirazione per il Cardo alla parmigiana).
La maggior parte dei dipinti di Raphaelle Peale sono di piccole dimensioni su sfondo scuro e raffigurano alimenti ed oggetti disposti su un tavolo, come il quadro in questione Un Dessert (Natura morta con limoni e arance) del 1814, che raffigura della frutta secca, uva sultanina, limoni, arance ed un liquore. 




Appena l’ho visto mi ha fatto tornare in mente dei dolci a forma di chiocciola ripieni di frutta secca, profumati di limone, arancia e cannella che avevo mangiato da bambina a casa di mio nonno materno. Grazie al libro di Luigi Sada, La cucina pugliese, sono riuscita a rintracciare la ricetta, o almeno penso che sia questa la ricetta, vale a dire la “Sfogliata canosina” (Sfegghiate canusine) dolci tipici della città di Canosa di Puglia che si mangiano durante le feste natalizie. Ho fatto la metà degli ingredienti, dove sono indicati, per il resto sono andata un po’ ad intuito; nella prefazione del libro Luigi Sada scrive “Molte ricette non riportano la quantità degli ingredienti; si sa che non è possibile indicarla... Ciascuna massaia sa queste cose e si regolerà come ritiene opportuno”. Infine ho aggiunto nel ripieno le noci e lo zucchero di canna.




Sfogliata canosina





Ingredienti:


Per la pasta

500 g di farina 0
100 g di zucchero
100 g di olio extra vergine di oliva
120-150 ml di acqua calda (dipende dall’assorbimento della farina)
2 cucchiai di vino bianco secco
pizzico di vaniglia
pizzico di sale


Per il ripieno

200 g di mandorle sgusciate e tostate
200 g di noci sgusciate (mia aggiunta)
60 g di uva sultanina
50 g di zucchero di canna (mia aggiunta)
1 cucchiaino di cannella in polvere
1 chiodo di garofano
scorza di 1 arancia
scorza di 1 limone



Preparazione:

In un recipiente si mettono le mandorle tostate e leggermente tritate, le noci tritate, l’uva sultanina fatta rinvenire in precedenza (io in acqua e Rum), poi ben strizzata e tagliata a pezzetti, lo zucchero di canna, la cannella, il chiodo di garofano pestato e tritato, la scorza di arancia e limone. Si mescola il tutto e si lascia riposare in modo da far amalgamare i sapori.
Per la pasta: in una grande ciotola si mettono la farina lo zucchero, l’olio extra vergine di oliva e pian piano l’acqua, quanto basta per legare il composto. Si impasta bene a formare un composto sodo e liscio. Si tira una sfoglia sottile e si formano dei rettangoli di circa 10X20 cm. Si spalmano con un po’ di olio extra vergine di oliva e zucchero semolato, si mette il composto di frutta secca su lato più lungo e si accortoccia orizzontalmente per due giri in modo da fare un cordoncino, poi si arrotola su se stesso a formare una sorta di chiocciola.
Si depositano su una placca da forno foderata di carta forno, si spalmano con un po’ di olio extra vergine di oliva e di zucchero. S’infornano a 200° C per 20-25 minuti circa, dipende dal forno, fino a che saranno dorate. Si sforna e si lasciano raffreddare.





Sfogliata canosina, interno








18 commenti:

  1. Affascinante l'introduzione e la storia di questo dolce, per me totalmente sconosciuto ma che so adorerei al primo morso. E grazie anche per avermi fatto scoprire questo artista e le sue opere: le nature morte sono una mia grande passione.

    RispondiElimina
  2. Una ricetta per me nuova ma che mi intriga tantissimo!!!!

    RispondiElimina
  3. Quanto mi piacciono i dolci con la frutta secca, questo tuo è una vera bontà ! Felice giornata !

    RispondiElimina
  4. Che ripieno pazzesco perqueste girelle di pasta lievitata!!!! smack

    RispondiElimina
  5. ricetta nuova questa per me, mi piace da morire!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  6. complimenti per questo post che unisce arte a cucina, tutto di alto livello !

    RispondiElimina
  7. ti sono venute benissimo! in effetti da noi si usano molto i dolci arrotolati a chiocciola!

    RispondiElimina
  8. Una ricetta ceh non conoscevo ma che mi sembra proprio golosa!

    RispondiElimina
  9. Wow, questa ricetta è davvero strepitosa, mette acquolina al solo pensiero :-P Bravissimaaaa :-) Ne approfitto x augurarti un felice we <3

    RispondiElimina
  10. Non lo sconoscevo, per cui grazie per aver raccontato le sue origini!!!

    RispondiElimina
  11. non lo conoscevo, dagli ingredienti direi ottimo e la forma carinissima!

    RispondiElimina
  12. un ripieno da libidine...non resisto!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  13. Non conoscevo per niente questo dolce, mi alletta molto. Complimenti Francesca!

    RispondiElimina
  14. Bello il connubio fra cucina e arte e ancor più golosa questa sfogliata, brava! Buon we!

    RispondiElimina
  15. mi piace tantissimo questo genere di dolci, che oltre ad essere buoni sono anche tanto carini. Bravissima.

    RispondiElimina
  16. Bellissima questa introduzione @Fra e complimenti per il golosissimo dolce, uno scrigno prezioso!

    RispondiElimina
  17. Wow e questa me l'ero persa,com'è possibile,goduria pura,grazie

    RispondiElimina

Grazie per i commenti e consigli, sono sempre ben accetti.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...