giovedì 20 aprile 2017

Vignarola romana

La vignarola è un contorno di verdure tipico di questo periodo di Roma e d’intorni, composto da piselli, fave, lattuga, cipollotto, menta e gli ultimi carciofi romaneschi a cui viene aggiunto il guanciale. Si potrebbe dire che è un piatto che simboleggia il passaggio dall’inverno alla  primavera con le sue primizie.
Il nome rimanda al termine “vignarolo/a” che a Roma identifica coloro che coltivano e vendono le verdure al mercato. L’origine del piatto è dibattuta anche se fa pensare che provenga dalla zona dei Castelli,  famosa per i vigneti, e sia nata dai contadini che lavorano la vigna.
A parte questo, la vignarola è un contorno semplice e molto gustoso; si può servire tiepida, fredda anche come secondo piatto o antipasto in porzioni più piccole, oppure per condire la pasta. 
Si può fare solo di verdure, omettendo il guanciale, ma io lo consiglio. Insomma, per chi non la conoscesse, provatela!



Vignarola romana




Ingredienti:

200 g circa di piselli sgranati
200 g circa di fave sgranate
150 g di lattuga romana 
100 g di guanciale
2 carciofi romaneschi  o  4 carciofi di altra varietà
1 cipollotto fresco
alcune foglie di mentuccia romana
mezzo cucchiaio di vino
olio extra vergine di oliva
sale 
pepe nero

scaglie di pecorino romano a piacere


Preparazione:

Si mondano i carciofi e si tagliano a spicchi non tanto grandi.
In una padella si mette il guanciale tagliato a listarelle, il cipollotto tagliato a fettine, un po’ di olio e si fa imbiondire. Si uniscono i carciofi tagliati a fettine, si fanno andare a fuoco vivace per alcuni minuti, poi si aggiunge il vino si fa evaporare, si abbassa la fiamma si uniscono le fave (se sono grandi meglio togliere la pellicina) e i piselli si fa cuocere per 10-15 minuti aggiungendo se serve un po’ di acqua calda. Infine si unisce la lattuga tagliata a fettine, si fa appassire, si sala e si pepa.  I legumi ed i carciofi devono essere cotti, ma ancora con una certa consistenza. Alla fine si aggiunge la mentuccia romana.
Si lascia riposare, è preferibile consumarla tiepida o fredda.

Io l’ho servita su dei crostoni di pane ed ho aggiunto scaglie di pecorino romano.




12 commenti:

  1. Che meraviglia tesoro è davvero un misto di pura bontà!!Lo proverò molto presto promesso!Baci,Imma

    RispondiElimina
  2. non l'ho mai mangiato, grazie a te conosco un piatto nuovo, grazie !

    RispondiElimina
  3. oh mamma che nostalgia, ero a roma dieci gg fa, amore puro per roma, mangiata tante volte, tolti i carciofi che detesto la adoro, semplice, di un bellissimo verde, con quel tocco del guanciale, insomma perfetta!

    RispondiElimina
  4. Super prendo nota me la segno. Buona serata abbraccio

    RispondiElimina
  5. Su quella fetta di pane ci stanno ingredienti che amo tantissimo!!!! smack

    RispondiElimina
  6. la adoro. l'avessi davanti, rinuncerei a qualunque altra cosa :) baci, buona serata

    RispondiElimina
  7. Che piatto accattivante, ha tutti i colori e i profumi della primavera!

    RispondiElimina
  8. Quasi da non crederci, ma le fave non mi fanno impazzire!!! Però molto bello il tuo piatto, mangerei tutto il resto molto volentieri!!!!
    Buon week end

    RispondiElimina
  9. In effetti non la conoscevo ma trovo che sia una proposta davvero golosissima e perfetta x questa stagione :-) Grazie cara e felice we <3

    RispondiElimina
  10. La vignarola mi piace proprio tanto... una di queste sere la devo proprio rifare! Un bacione

    RispondiElimina

Grazie per i commenti e consigli, sono sempre ben accetti.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...