lunedì 18 ottobre 2021

Lasagna con zucca e gorgonzola

Apro la stagione della zucca sul blog con una classica lasagna condita con zucca ridotta in purea e gorgonzola, il tutto ricoperta da besciamella. Una coccola calorica, ma molto buona.

Altra versione:




Lasagna con zucca e gorgonzola



Ingredienti:

250 g di sfoglie per lasagna già pronte o se si vogliano fare in casa vedere qui
600 g circa di polpa di zucca butternut o violina senza buccia
200 g di gorgonzola
100 g circa di Grano Padano 
aghi di rosmarino
salvia
olio extravergine di oliva
sale 
pepe nero


Per la Besciamella

500 ml di latte intero
50 g di burro
50 g di farina 0
noce moscata
sale
pepe nero



Preparazione:

Si taglia la zucca a dadini, si fa imbiondire l'aglio in olio extra vergine di oliva con aghi di rosmarino e la salvia, si mette la zucca e si fa saltare per alcuni minuti, fino a renderla morbida, si sala si pepa. Si mette in un cutter e si riduce a purea.

Per la Besciamella: Si fa scaldare il latte in un bollitore, in una casseruola si fa sciogliere il burro, si unisce la farina, si gira fino a far assorbire la farina, si toglie dal fuoco e si unisce un po' alla volta il latte girando bene in modo di non formare grumi. Si rimette sul fuoco e si mescola fino a quando non si addensa, in questo caso non deve essere particolarmente densa, poi si sala, si pepa e si aggiunge la noce moscata.

Si inizia ad assemblare la lasagna, si mette in una pirofila un cucchiaio di besciamella, si depositano le sfoglie, si copre con la purea di zucca, dadini di gorgonzola e un velo di besciamella. Si prosegue così fino ad esaurire le sfoglie ed il condimento. L'ultimo strato sarà di abbondante besciamella e formaggio grattugiato a sigillare il tutto.
Si mette in forno caldo a 200° C per 20-35 minuti dipende dal forno, fino a quando la superficie sarà dorata. Si sforna, si lascia intiepidire per almeno 10 minuti, prima di consumarla.



Lasagna con zucca e gorgonzola









giovedì 14 ottobre 2021

Torcetti alla birra

 La ricetta si ispira alle ciambelline al vino molto famose nella mia regione, al posto del vino c’è la birra chiara. Infine, sono state passate nello zucchero di canna invece che nello zucchero semolato.



Torcetti alla birra





Ingredienti:

500 g di farina 0
125 ml di birra chiara
125 ml di olio di semi di mais
100 g di zucchero semolato
un cucchiaino di sale
un cucchiaino di bicarbonato 
zucchero di canna


Preparazione:

In un recipiente si versa la birra e l’olio extravergine di oliva, si aggiunge lo zucchero, si gira per farlo sciogliere. Si comincia pian piano ad aggiungere la farina setacciata, il sale ed il bicarbonato, si mescola. S’impasta rapidamente il tutto, si forma una palla si riveste con la pellicola e si lascia riposare per 30 minuti circa.




lunedì 11 ottobre 2021

Zuppa d'orzo, funghi e speck

In questo periodo con le temperature che si abbassano una zuppa calda è sempre un piacere. Questa si ispira alle zuppe del Trentino-Alto Adige per la presenza dello speck. Una vera coccola!
 



Zuppa d'orzo, funghi e speck





Ingredienti:

400 g di funghi champignon
100 g di orzo perlato
100 g di speck
30 g di burro
1 patata grande
1 cipolla 
1 carota
1 costa di sedano
timo
erba cipollina 
1 litro di brodo di carne o vegetale
sale 
pepe nero


Preparazione:

Si fa imbiondire la cipolla tritata nel burro fuso. Si unisce metà dello speck tagliato a striscioline, si fa rosolare. Si aggiunge il trito di carote, sedano ed il timo. Si fa insaporire, si aggiunge la patata tagliata a dadini, i funghi tagliati a fettine e l'orzo perlato, si fa leggermente tostare, si aggiunge il brodo caldo si sala e si pepa. Si copre e si lascia cuocere a fuoco moderato per 40-45 minuti circa.
Si serve aggiungendo l'erba cipollina tagliata e il restante speck tagliato a striscioline.




giovedì 7 ottobre 2021

Pollo in potacchio

Il pollo in potacchio  è un piatto tipico delle Marche, consiste nella cottura del pollo in un intingolo a base di vino bianco, olio extra vergine di oliva, aglio e rosmarino, a cui è stato aggiunto, in tempi più recenti, un po’ di passata di pomodoro. 
In potacchio si cuociono anche altre carni come coniglio, papera, agnello e pesci come la coda di rospo.



Pollo in potacchio



Ingredienti:

1 kg circa ci di pollo tagliato in parti 
2 spicchi di aglio in camicia   
2 rametti di rosmarino 
2-3 cucchiai di passata di pomodoro diluiti in 1 bicchiere di acqua
1 bicchiere di vino bianco meglio il Verdicchio dei Castelli di Jesi 
olio extra vergine di oliva
sale
pepe nero


Preparazione:

In una larga padella di alluminio o rame o ghisa, si mette dell’olio extra vergine di oliva, si fa scaldare si aggiungono le parti di pollo, si fanno rosolare da entrambe le parti, si aggiunge, il sale ed  il pepe nero. Si sfuma con il vino bianco, si aggiungono gli spicchi di aglio interi, il  rosmarino. Si aggiunge la passata diluita nell’acqua, si copre e si lascia cuocere a fuoco moderato fino a che l’acqua sarà evaporata completamente, lasciando un intingolo. Si serve tiepido con il suo intingolo.




lunedì 4 ottobre 2021

Carote sottaceto veloci

Questa ricetta delle Carote sottaceto veloci è liberamente tratta dal libro di Nigella Lawson, Simply Nigella. Il piacere del cibo. L’autrice sostiene di non preparare grandi quantità di sottaceti, perché non sempre si riesce a consumarli tutti. In sostanza la penso allo stesso modo, in generale come per le confetture, così per le verdure sottaceto o sott’olio, ne preparo sempre in modeste quantità, da consumare nel giro di poco giorni. 
La ricetta originale è più intensa e pungente per la presenza del cardamomo e dei semi di senape, io non li ho messi, ma li ho sostituiti con bacche di ginepro, pepe nero in grani ed un piccolo peperoncino.
Per chi ama i sottaceti aromatici è da tenere presente per la semplicità e la velocità.  




Carote sottaceto veloci






Ingredienti:

Per 1 barattolo da 500 ml 

250 g circa di carote pelate
175 ml di aceto di mele o aceto di vino bianco
175 ml di acqua fredda
2 cucchiai di miele (io di millefiori)
2 foglie di alloro
4 bacche di ginepro
pepe nero in grani
1 cucchiaino di semi di finocchio
1 peperoncino
1 cucchiaino di sale fino


Prerazione:

In un tegame si mette l’aceto, l’acqua, il sale,  il miele, l’alloro, semi di finocchio, peperoncino le bacche di ginepro e il pepe nero. Si porta a bollore a fuoco medio.
Nel frattempo si tagliano le carote e bastoncini, si mettono in barattolo. Si versa il liquido aromatico  sulle carote crude e si lascia raffreddare a temperatura ambiente. Si chiude e si mette in frigo, almeno per un’ora, meglio tutta la notte, prima di consumarle.  

Si conservano in frigo per un mese.


giovedì 30 settembre 2021

Torta cocco, mandorle e mirtilli

Ricetta tratta da Sweet di Yotam Ottolenghi ed Helen Goh. E’ una torta molto semplice da fare, che rimane soffice e umida per giorni.



Torta cocco, mandorle e mirtilli




Ingredienti:

Stampo di 23 cm di diametro

180 g di mandorle macinate (farina di mandorle)
60 g di cocco disidratato
250 g di zucchero semolato
70 g di farina autolievitante  (oppure  70 g farina 00 e mezza bustina di lievito per dolci)
pizzico di sale
4 uova grandi
200 g di burro sciolto e portato a temperatura ambiente
1 cucchiaino e mezzo di estratto di vaniglia
la scorza grattugiata di 2 limoni (2 cucchiaini)
200 g di mirtilli freschi
20 g di mandorle a fettine


Preparazione:

Si unge uno stampo di 23 cm e si fodera con la carta da forno. Si preriscalda il forno a 180° C.

In una ciotola si mette la farina di mandorle, il cocco, lo zucchero, la farina, il lievito ed il sale, si mescola con una frusta per areare e rimuovere i grumi.
In un’altra ciotola si mettono le uova, si sbattono leggermente, si aggiunge il burro fuso, l’estratto di vaniglia e la scorza di limone. Si sbatte ancora per amalgamare bene il tutto, si versa il composto nella ciotola con la farina, si mescola bene e si uniscono 150 g di mirtilli. 
Si trasferisce l’impasto nella teglia, e si spargono sopra i mirtilli rimanenti, insieme alle mandorle a fettine. 
S’inforna a 180° C per 50-55 minuti, o fino a quando infilzando la torta con uno stuzzicadenti, questo non ne esce asciutto. 
Una volta cotta si sforna, e si lascia intiepidire per 30 minuti, prima di toglierla dallo stampo e metterla sul vassoio.




lunedì 27 settembre 2021

Maritati al forno con sugo e provola affumicata

 Adoro la pasta al forno, in particolare la crosticina che si forma. Questa volta l’ho resa più croccante grazie all’aggiunta del pangrattato e origano al formaggio. Come pasta ho scelto i maritati che in realtà non è un formato di pasta, bensì è l’unione di due formati di pasta pugliesi: le orecchiette ed i maccheroncini; li ho conditi con un sugo semplice e scamorza affumicata. 




Maritati al forno con sugo e provola affumicata




Ingredienti:

350 g di Maritati
400 g di passata di pomodoro
200 g di provola affumicata
60 g di Grana Padano
1 cipolla 
origano
pangrattato
olio extra vergine di oliva
sale
pepe nero


Preparazione:

Si fa imbiondire la cipolla tagliata fine in olio extra vergine di oliva. Si aggiunge la passata e si fa cuocere per 8-10 minuti.
In una ciotola si mette il formaggio grattato, il pangrattato, il pepe nero e l’origano si mescola.
Si cuoce la pasta per alcuni minuti, si scola. Si mette in una pirofila, si condisce con il sugo, si aggiunge la provola tagliata a quadratini. Si spolvera con il condimento di formaggio, pangrattato e origano.
Si mette in forno caldo a 200° C, per 30- 40 minuti finché si sarà formata la crosticina.





giovedì 23 settembre 2021

Braciole alla messinese

Da tempo che volevo provare questa prelibatezza siciliana. Le Braciole alla messinese, sono degli involtini di carne molto sottile farciti con pangrattato, prezzemolo, aglio, pecorino e dadini di provola, se si è fortunati quella dei Nebrodi. Vengono infilzate in un spiedo di legno e cotte alla griglia, in tegame o al forno. Fuori sono croccanti e dentro molbide; una vera bontà!
La ricetta ed il procedimento, l’ho tratto da Siciliani creativi in cucina

Peg gli amanti della carne arrotolata e farcita consiglio:

Per non amanti della carne consiglio: 







Braciole alla messinese





Ingredienti:

600 g circa di fettine di polpa di manzo sottile 
250 g di pane raffermo grattugiato
150 g di caciocavallo silano o provola dei Nebrodi
80 grammi di pecorino siciliano 
1 spicchio di aglio 
prezzemolo
olio extravergine di oliva
sale 
pepe nero
qualche foglia di alloro


Preparazione: 

In una ciotola si versa il pangrattato tostato, si aggiunge il pecorino grattugiato, l'aglio e il prezzemolo tritati, pepe, sale, si aggiunge olio extravergine di oliva fino a ottenere un composto morbido.
Si prendono le fettine di carne, si battono un po’, se fossero troppo grandi si tagliano; su ognuna si mette nel centro un po’ di composto e un dadino di formaggio, si rivoltano verso l’interno i lati della carne e si arrotola, si stringe bene tra le palma della mano e si infila in uno spiedo di legno, inserendo una foglia di alloro tra una braciola e l’altra.
Si ungono le braciolette con poco olio extra vergine di oliva si passano nel composto rimasto usato per la farcia.
Si cuociono su una griglia bella calda o in una padella antiaderente fino a che saranno dorate.
Si servono calde.



lunedì 20 settembre 2021

Paccheri con cipolle di Tropea, gorgonzola, mascarpone, pistacchi e riduzione di aceto balsamico

 Sono dei paccheri conditi con una purea di cipolla di Tropea e mantecata con gorgonzola e mascarpone che con il calore della pasta si sciolgono avvolgendoli; infine ho aggiunta di una riduzione di aceto balsamico e granella di pistacchi.


Paccheri con cipolle di Tropea, gorgonzola, pistacchi e riduzione di aceto balsamico





Ingredienti:

300 g di paccheri
5 cipolle di Tropea
50 g di gorgonzola e mascarpone
20 g di granella di pistacchi
timo fresco
4 cucchiai di aceto balsamico
olio extra vergine di oliva
sale
pepe nero


Preparazione:

In un tegame si mettono le cipolle rosse tagliate a fettine sottile con un filo di olio extra vergine di oliva, pepe nero, sale ed acqua. Si copre e si lascia cuocere a fuoco lento finché la cipolla non sarà ammorbidita, se occorre si aggiunge altra acqua. Si rende a purea con un minipiner, si aggiunge altro pepe. Si versa in una larga padella.
In un tegamino si mette l’aceto balsamico e si fa evaporare, finché sarà ridotto di volume.

Si cuoce la pasta molto al dente, si scola, lasciando acqua di cottura, e si versa nella padella con la purea di cipolle e si gira facendo assorbire i sapori, si spegne e si aggiunge il gorgonzola e mascarpone tagliato a tocchetti; si manteca e con il calore della pasta i formaggi si sciolgono, se occorre si aggiunge anche un po' di acqua di cottura della pasta. 
Si impiatta, si aggiunge la granella di pistacchio e la riduzione di aceto balsamico.





giovedì 16 settembre 2021

Filetti di pollo con friggitelli e limone in conserva

 Sono dei filetti di pollo infarinati e scottati in padella, conditi con dei friggitelli scottati e fettine sottili di limone in conserva  (Citrons confits). Un secondo che unisce carne e contorno, veloce e gustoso.



Filetti di pollo con friggitelli e limone in conserva




Ingredienti:

400 g circa g di petti di pollo
250 g di friggitelli
metà spicchio di limone in conserva ed 1 cucchiaio del succo
1 spicchio di aglio
farina 
olio extra vergine di oliva
sale
pepe nero


Preparazione:

Si lavano i friggitelli, si toglie il picciolo ed i semi interni, si tagliano a listarelle.
In una padella si fa imbiondire uno spicchio di aglio, si aggiungono i friggitelli, si fanno scottare per alcuni minuti. Si sala e si mettono da parte.
Si taglia a listarelle il petto di pollo, si passa nella farina. Nella stessa padella dove si cono scottatati i friggitelli, si fa scaldare l’olio, si fa cuocere le listarelle da entrambe le parti, si mettono da parte, si salano e si pepano. 
Nella stessa padella, si mette 1 cucchiaio di succo dei limoni in conserva, si fa leggermente riscaldare, si aggiungono il limone in conserva tagliato a fette e le listarelle di pollo, si fanno saltare, poi si aggiungono i friggitelli e si fanno insaporire, a piacere si aggiunge il prezzemolo.




lunedì 13 settembre 2021

Ravioli Capresi

 I ravioli Capresi sono tipici di Capri, ma sono diffusi anche nella Penisola Sorrentina ed Amalfitana. La loro caratteristiche è quella di essere fatti da una sfoglia senza uovo, con il ripieno di caciotta di Sorrento - che è un formaggio a pasta molle - e maggiorana. La forma del raviolo in genere è rotonda con il bordo merlato.
Si condiscono con un sugo semplice al pomodoro; sono semplicemente buoni!


Ravioli capresi



Ingredienti:


Per l’impasto 
300 g di farina 00
150 - 200 ml circa di acqua calda
1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
sale

Per la farcia

250 g di caciotta molto morbida o ricotta
80 g di parmigiano
maggiorana
sale
pepe nero


Per il Sugo

500 ml di passata di pomodoro
1 spicchio di aglio
basilico fresco
sale 
pepe nero


Preparazione:

In una ciotola si mette la farina, il sale, l’olio extra vergine di oliva e pian piano si aggiunge l’acqua calda, si forma un composto che si lavora su una spianatoia infarinata fino a che diventa liscio. Si fa riposare.

Nel frattempo in una ciotola si gratta il formaggio, si aggiunge il parmigiano, il sale il pepe nero e la maggiorana, si impasta il tutto.

In una pentola si fa imbiondire uno spicchio di aglio, si aggiunge la passata di pomodoro si sala e si pepa e si fa cuocere per 10 minuti circa, deve rimanere abbastanza liquida. Alla fine si aggiunge il basilico.

Dopo che l’impasto ha riposato, si stende una sfoglia sottile, si mette un po' di ripieno e si chiude formando i ravioli. Si mettono man mano in un vassoio infarinato.


Ravioli capresi



Si porta l’acqua ad ebollizione, si sala e si aggiunge un filo di olio extra vergine di oliva. Si mettono i ravioli pochi per volta e si fanno cuocere poco, appena vengono a galla si scolano e si versano nel sugo.
Si impiatta ed a piacere si aggiunge del basilico fresco.





Ravioli capresi





giovedì 9 settembre 2021

Cozze ripiene

 Per questo tipico piatto pugliese ho preso spunto dal prezioso libro del grande storico della gastronomia  Luigi Sada, La Cucina Pugliese. Per realizzare la ricetta ho dimezzato le dosi.  
Per chi ama questi molluschi, è una vera squisitezza.




Cozze ripiene





Ingredienti:

500 g di cozze con guscio
250 g di pomodori a grappolo
30 g di pecorino romano
2 fette di pane raffermo
1 uovo
2 spicchi di aglio
1 ciuffo di prezzemolo
olio extra vergine di oliva
pepe nero

Preparazione:

Si lavano bene le cozze, si puliscono e si dovrebbe aprirle con il coltello, ma non essendo capace, le ho fatte aprire in una padella coperta. 
In una scodella si mette il pane ammollato nell’acqua, e ben strizzato, si aggiunge l’uovo, il formaggio, il prezzemolo, l’aglio tagliato a pezzetti, il sale ed il pepe nero. Si amalgama il tutto.
Si prendono le cozze e si farciscono con il composto e si legano con un filo bianco o con dello spago da cucina. 
In una padella si fa imbiondire uno spicchio di aglio, si aggiungono i pomodoro tagliati a pezzetti, si fa cuocere per 5-8 minuti, si sala e si pepa si aggiungono le cozze ripiene ed un po’ di acqua delle cozze. Si copre e si fa cuocere per 10-15 minuti a fuoco basso. 
Una volta che il ripieno si sarà rassodato si tolgono dal fuoco e si servono.



lunedì 6 settembre 2021

Vermicelli con pesto di finocchietto selvatico, sgombro, limoni in conserva

 Sono dei vermicelli conditi con pesto di finocchietto selvatico con l’aggiunta dei filetti di sgombro sott’olio, del limone in conserva  (Citrons confits) che dona un sapore unico; per finire con una granella tostata e croccante composta di frisella sbriciolata, acciuga, mandorle e pistacchi.




Vermicelli con pesto di finocchietto selvatico, sgombro, limoni in conseva






Ingredienti:

380 g di Vermicelli
250 g di filetti di sgombro sott'olio
1 spicchio di limone in conserva (Citron Confit)

Pesto di finocchietto selvatico

1 mazzetto di finocchietto selvatico
20 g di mandorle
30 g di Grana Padano
mezzo spicchio di aglio
olio extra vergine di oliva
sale
pepe nero


Granella croccante

1 frisella piccola
1 filetto di acciuga
10 g di mandorle a scaglie 
10 g di pistacchi
peperoncino



Preparazione:

In un cutter si mette la frisella spezzettata, si aggiungono le mandorle a scaglie, i pistacchi e il peperoncino si trita il tutto, fino ad avere una granella.
Si fa scaldare un padellino si aggiunge un filo di olio extra vergine di oliva si fa sciogliere l’acciuga, si unisce la granella si fa tostare il tutto. Si lascia raffreddare.
Si mette in acqua il finocchietto si lava bene, si porta ad ebollizione l’acqua si fa scottare per 2-3 minuti, si scola con le pinze, tenendo l’acqua di cottura che si utilizzerà per la cottura della pasta. 
Si mette il finocchietto in un cutter, si uniscono le mandorle, olio extravergine di oliva, il formaggio grattugiato, pepe e metà spicchio di aglio, si aziona fino ad ottenere un pesto omogeneo.
Si mette in una larga padella, si aggiunge lo sgombro scolato dall’olio.
Nel frattempo si cuoce la pasta nella stessa acqua dove si è scottato il finocchietto, si scola e si aggiunge al pesto di finocchietto ed allo sgombro, si unisce un cucchiaio di acqua di cottura, si fa saltare per due minuti, si spegne si aggiunge la dadolata di limone in conserva.  
S'impiatta e si aggiunge un filo di olio extra vergine di oliva e la granella croccante.

venerdì 3 settembre 2021

Gelato yogurt e mirtilli

 La base è la famosa ricetta del gelato furbo, senza gelatiera, sperimentato già al caffè, cannella e gocce di cioccolato; vale a dire panna, latte condensato con l’aggiunta, questa volta,  di yogurt bianco,  mirtilli freschi interi ed in composta.  



Gelato yogurt e mirtilli





Ingredienti:

Un contenitore di circa 500 - 700 g

200 ml di panna vegetale da montare fredda
175 g di latte condensato zuccherato freddo
125 ml di yogurt bianco
1 cucchiaino di essenza di vaniglia

Composta di mirtilli:

125 g di mirtilli freschi 
1 cucchiaio di zucchero semolato


Preparazione:

Dopo aver lavato velocemente i mirtilli, gran parte (90 g circa) si mettono in un pentolino con lo zucchero.  Si fa scaldare a fuoco lento, girando continuamente fino ad ottenere una composta morbida. Si travasa in un recipiente e si lascia raffreddare. Poi si copre e si mette in frigorifero a raffreddare.

Nel frattempo si mette il latte condensato in una ciotola, si unisce lo yogurt bianco e l’essenza di vaniglia, si amalgama il tutto.
In un’altra ciotola si monta la panna *, ben fredda di frigo, a neve ferma. Si unisce pian piano la panna alla miscela di latte condensato e yogurt bianco, con movimenti dall’alto verso il basso, senza smontarla.
Si versa gran parte del composto in un contenitore, sopra si mettono delle cucchiaiate di composta di mirtilli ormai fredda, ed i restanti mirtilli freschi, sopra si aggiunge la restante composto, si copre  con il coperchio, si mette in congelatore minimo per 6 ore, meglio tutta la notte. 
Prima di servirlo, prelevate il contenitore lasciato per qualche minuto a temperatura ambiente. 


* Prima di iniziare a montare la panna è consigliabile mettere la ciotola e le fruste in frigorifero per alcune ore, in modo da facilitare la montatura.




mercoledì 1 settembre 2021

Friselle con fiocchi di latte, pistacchi, fichi, miele e timo


 Adoro i fichi, peccato che si possono godere solo per poco tempo l’anno; mi piacciono mangiati in purezza o in combinazione nei dolci o nei salati. Questa volta ho optato la combinazione tra  il gusto acidulo dei fiocchi di latte, la dolcezza dei fichi, del miele, il leggermente sapido dei pistacchi ed il profumo del timo; il tutto su delle Friselle.

Alte idee con i fichi:
Crostoni con ricotta infornata, speck, fichi e miele
Cheesecake salata con robbiola, fichi e miele
Torta di fichi e granella di mandorle
Tartellette con fichi e mandorle




Friselle con fiocchi di latte, pistacchi, fichi, miele e timo



Ingredienti:

4 friselle
8 fichi
400 g di fiocchi di latte
30 g di granella di pistacchi
miele millefiori
timo fresco

Preparazione:

Si dispongono le friselle su un piatto di portata, si mette sopra i fiocchi di latte, la granella di pistacchi, i fichi lavati e tagliati a spicchi. Si aggiunge a filo il miele millefiori e si aggiunge il timo.




lunedì 30 agosto 2021

Zite al forno con melanzane, pomodorini e mozzarella

E’ una delle paste al forno estive che mi piace di più, vale a dire con le melanzane fritte, pomodorini freschi appena scottati, mozzarella e formaggio, il tanto che basta per formare la crosticina.



Zite al forno con melanzane,  pomodorini e mozzarella





Ingredienti:

300 g di zite 
300 g di pomodorini piccadilly
250 g di mozzarella
50 g di Grana Padano 
2 melanzane lunghe
2 cucchiai di passata di pomodoro
1 spicchio di aglio
basilico fresco
olio di oliva extravergine
olio di semi di arachidi per friggere
sale
pepe nero 



Preparazione:

Si lavano le melanzane, si eliminano le estremità e si tagliano per la lunghezza a fette.
Si friggono in olio di semi di arachidi. Si scolano dall'olio in eccesso e si mettono  in un piatto.

In un tegame si fa rosolare l'aglio in olio extravergine di oliva, si aggiungono i pomodori tagliati a meta, si sala, si pepa. Si fanno scottate per alcuni minuti, alla fine si aggiunge il basilico.

Si lessa la pasta in abbondante acqua salata, si scola al dente, si condiscono con i pomodorini.

Si riveste la pirofila con le fette di melanzane fritte, si aggiunge la pasta condita, si aggiunge la mozzarella tagliata a tocchetti, si copre con altre fette di melanzane fritte. Si aggiunge un velo di passata di pomodoro condita con sale, pepe, olio extravergine di oliva. Si spolvera con il formaggio.

Si mette in forno caldo a 180° C per finché si sarà formata la crosticina. 
Si sforna e si lascia leggermente intiepidire, prima di servire.






venerdì 27 agosto 2021

Ghiaccioli all’albicocca e yogurt

Questi ghiaccioli casalinghi sono fatti con una purea di albicocca con l’aggiunta di un po’ di zucchero, alternata da yogurt bianco aromatizzato al miele millefiori. Sono perfetti per un fine pranzo, merenda o cena.




Ghiaccioli all’albicocca e yougurt






Ingredienti:

4-5 albicocche circa
125 g di yogurt bianco
1 cucchiaio di miele millefiori
1 cucchiaio di zucchero semolato

Preparazione:

Si sbucciano le albicocche, si tagliano a pezzi, si mettono in un frullatore, si aggiunge lo zucchero e si frullano fino ad ottenere una purea.
In una ciotola si lavora lo yogurt con il miele.
Si versa parte della purea di albicocche negli stampini e si alterna con lo yogurt. 
Si mettono nel congelatore per 15 minuti circa, poi si inserisce lo stecco. Si lascia congelare, minimo 6 ore,  meglio tutta la notte.
Prima di servirli, si passano i ghiaccioli in una bacinella di acqua calda per pochi secondi, il tempo di estrarre il ghiacciolo.




mercoledì 25 agosto 2021

Friselle con ortolana estiva e burrata

Quasi tutte le regioni del centro sud hanno come contorno una ricetta con un insieme di ortaggi estivi come peperoni, melanzane, zucchine, pomodori; viene Cianfotta, Ciambotta, Ciauredda, Fricandò di verdure ecc. Le differenze, possono essere nella tipologia di cottura, stufate, fritte o cotte in forno.
Io per facilitare l’ho sempre chiamata ortolana estiva, la cuocio in forno tutte insieme, oppure friggo in padella separatamente gli ortaggi, per poi farli insaporire insieme, come ho fatto in questo caso. Questi insieme di ortaggi fritti, li ho messi su una frisella con l’aggiunta della burrata. 




Friselle con ortolana estiva e burrata





Ingredienti:

200 g di burrata
4 friselle

Ortolana estiva

1 melanzana media
1 peperone rosso medio
1 zucchina
1 cipolla di Tropea
8-10 pomodorini
basilico
olio extra vergine di oliva
sale 
pepe nero



Preparazione:

Dopo aver lavato bene gli ortaggi, si tagliano a tocchetti e si mettono ognuno in una ciotola.
In un'ampia padella si fa scaldare l'olio extra vergine di i oliva. Si scottano separatamente. 
Una volta cotti si uniscono insieme con l'aggiunta di un filo di olio extra vergine di oliva, sale, pepe nero e foglie di basilico. Si serve tiepida o fredda. 
Io l'ho servita su delle friselle con l'aggiunta di burrata.




lunedì 23 agosto 2021

Candele con fagiolini alla Don Salvatore

Ricetta tratta dal libro dello chef Peppe Guida, Le ricette di casa mia. 100 ricette a spreco zero per onnivori, vegetariani, ma soprattutto veri buongustai. Più precisamente la ricetta è di un amico e buongustaio dello chef  Peppe Guida, è Don Salvatore.
Un condimento di fagiolini con il sugo profumato al basilico ed origano. Semplicemente buono.



Candele con fagiolini alla Don Salvatore






Ingredienti:

320 di pasta formato candele
500 g di passata di pomodoro
250 g di fagiolini freschi
1 spicchio di aglio
basilico
origano
peperoncino
olio extra vergine di oliva
sale



Preparazione:

Si lessano i fagiolini in acqua calda  e salata, si scolano al dente. 
In un padella si fa imbiondire uno spicchio di aglio con il peperoncino ed olio extra vergine di oliva, si aggiunge la passata di pomodoro e dopo qualche minuto i fagiolini, si fanno cuocere per alcuni minuti, si aggiunge il basilico e l’origano.
Si cuoce la pasta al dente, si scola e si unisce al sugo di fagiolini, si fa saltare per alcuni minuti. S’impiatta e si aggiunge un filo di olio extra vergine di oliva.





giovedì 19 agosto 2021

Nana nectarine peaches ice cream - Gelato banana e pesche nettarine

Dopo che ho scoperto questa sorta di “gelato” alternativo, sto parlando del Nana ice cream o Nice Cream, vale a dire banana congelata e frullata (con l’aggiunta opzionale di miele, latte o acqua), ne sto provando diverse versioni con frutta e non. 
Dopo quello con la ciliegia, ho provato con la pesche nettarine. Semplice, salutare e buono!  


Nana nectarine peaches ice cream - Gelato banana e pesche nettarine




Ingredienti:

Per 2 persone

2 banane mature
2 pesche nettarine
1 cucciaino di miele millefiori (opzionale)


Preparazione:

Si sbucciano le pesche, si tagliano a tocchetti, si sbucciano le banane e si tagliano a rondelle si  mettono in una busta di alimenti. Si trasferiscono in congelatore per minimo 5 ore, meglio tutta la notte.
Passato il tempo, si mette la frutta congelata in frullatore (se sono troppo congelate, lasciarli a temperatura ambiente per 5 minuti), si aggiunge il miele . Si frulla il tutto ad intervalli di 10-15 secondi, fino ad ottenere una consistenza omogenea, si lavora co una spatola  fino al rangiungimento della cremosità..
Si trasferisce in delle coppette da gelato e si serve subito. 




lunedì 16 agosto 2021

Crudaiola

 ... dal mare sale il maestrale, il bianco del borgo antico mi abbaglia e annego nel buon odore dei panni stesi sui marciapiedi, mescolato a quello stordente del ragù messo a cottura fin dal mattino presto. I telai di legno con la retina fina e le orecchiette stese ad asciugare sono quasi davanti a ogni casa e segnano il tempo.
...
Qui gli usci, con le persiane accostate e le tende bianche come le vele delle barche, sembrano infiniti e tutti uguali, e le stradine si perdono a incastro l’una nell’altra.

Gabriella Genisi, Giallo ciliegia. Le indagini di Lolita Lobosco, 2010


Ho trascritto una evocativa descrizione di "Barivecchia" della scrittrice Gabriella Genisi tratta dal suo libro  Giallo ciliegia con protagonista il commissario di polizia Lolita Lobosco,  Lolì. Il giallo è gran parte  ambientato nella Bari vecchia in una rovente estate, dove Lolita Lobosco è alle prese con l’indagine  della misteriosa scomparsa del giovane pescatore Sabino Lavermicocca.  
Alla fine di ogni libro dedicato alla protagonista c'è un'appendice le “Ricette di Lolì”, una serie di ricette citate nel libro e non, gran parte tipiche pugliesi, per non dire baresi come è stato per i buonissimi Spaghetti all’Assassina. Oggi invece dal libro ho tratto la Crudaiola che è un  tipico piatto estivo barese composto di prodotti tipici come le orecchiette e la ricotta marzotica. E’ un piatto semplice e di gusto, ideale per questa estate calda; è ottima tiepida, ma può essere consumata anche fredda.




Crudaiola




Ingredienti:

500 g di orecchiette o cavatelli freschi, in alternativa penne rigate
500 g di pomodori di Mola (io Piccadilly)
250 g di ricotta marzotica
100 g di olio extravergine d’oliva possibilmente pugliese
10 foglie di basilico

Preparazione:

In un ampio recipiente si mette gran parte della  ricotta marzotica grattugiata, si aggiunge l’olio extra vergine di oliva ed il sale. Si aggiungono i pomodori tagliati a spicchi e le foglie di basilico, senza mescolare, si copre e si mette in frigorifero per circa due ore. 
Si lessa la pasta al dente, si scola, avendo cura di conservare un mestolo d’acqua che si aggiunge ai pomodori, si versa la pasta si mescola il tutto. Si aggiunge un filo di olio extra vergine di oliva e la restante ricotta. Si serve. 


 

giovedì 12 agosto 2021

Insalata eoliana cu’ pane caliatu

 Ricetta letta nel libro Sud. La grande cucina. 500 ricette della tradizione mediterranea, Slow Food, 2018. E’ una ricetta siciliana, precisamente delle isole Eolie, conosciuta con alcune varianti, in questo caso viene aggiunto il pane caliatu.
Il pane caliatu è un pane di grano duro, che una volta cotto viene lasciato in forno a biscottare, fino a che le braci si raffreddano. E’ un pane che si conserva per molto tempo e prima di essere consumato viene bagnato in acqua come si fa per le frise.



Insalata eoliana cu’ pane caliatu





Ingredienti:

4 patate di media grandezza
10 pomodorini ciliegino
1 cipolla di Tropea
1 cetriolo
10-12 olive nere
40 g di capperi sotto sale
basilico
origano
olio extravergine di oliva
sale 
pepe nero

200 g di pane caliato (pane biscottato)


Preparazione:

Si lavano le patate e si fanno cuocere in acqua fredda con tutta la buccia. Una volta cotte, si lasciano raffreddare bene, si toglie la buccia.
Nel frattempo, dopo aver lavato i pomodorini si tagliano a metà, si mettono in una insalatiera, si aggiunge la cipolla tagliata a fettine, il cetriolo, le olive nere, i capperi dissalati. Si aggiungono le patate lesse fredde tagliate a tocchetti,  il pane tagliato a pezzi grossolani; si condisce il tutto con olio extra vergine di oliva, sale, pepe, origano e foglie di basilico.
Si lascia riposare un po’ in modo che il pane si insaporisca, prima di servire.




lunedì 9 agosto 2021

Zucchine ripiene di ricotta al sugo

Le zucchine si prestano bene per essere riempite; questa volta il ripieno è di ricotta profumata dal basilico e dalla maggiorana, poi cotte al sugo.

Altre idee:
Zucchine ripiene di carne
Zucchine ripiene alla sassarese
Zucchine ripiene di baccalà


Zucchine ripiene di ricotta al sugo




Ingredienti:

3 zucchine scure
300 g di passata di pomodoro a pezzi
250 g di ricotta
60 g di parmigiano grattugiato
pangrattato quanto basta
1 uovo
2 spicchi di aglio
maggiorana
basilico
olio extra vergine di oliva
sale
pepe nero  

Preparazione:

Si eliminano le estremità delle zucchine, si tagliano a metà nel senso della larghezza e con l’apposito coltellino - il vuotazucchine - si svuotano dalla polpa che si mette in una ciotola. 
Alla polpa di zucchine si aggiunge la ricotta, l’uovo, il parmigiano, uno spicchio di aglio tagliato a pezzetti, maggiorana, basilico, sale, pepe e pangrattato quanto basta per avere un composto sodo. 
Con il composto si riempiono le zucchine. Con il composto avanzato, si formano delle polpette. Se occorre si aggiunge altro pangrattato. Si coprono e si mettono in frigo.
In una padella si fa imbiondire uno spicchio di aglio, si aggiunge la passata di pomodoro, si sala e si pepa si fa cuocere per alcuni minuti il tempo di far insaporire, si aggiungono le zucchine ripiene e si fanno cuocere coperte a fuoco moderato per 30 minuti, poi si aggiungono le polpette e si continua a cuocere per altri 10 minuti. Alla fine si aggiunge il basilico fresco.







giovedì 5 agosto 2021

Peperoni e cozze

 Altra ricetta della chef Peppe Guida tratta dal libro Le ricette di casa mia. 100 ricette a spreco zero per onnivori, vegetariani, ma soprattutto veri buongustai. Sono delle cozze con peperoni arrostiti conditi con aglio, prezzemolo e pangrattato passati in forno il tempo di gratinare.



Peperoni e cozze





Ingredienti:

500 g di cozze intere
4 peperoni io gialli e rossi
1 spicchio di aglio
1 mazzetto di prezzemolo
pangrattato
olio extra vergine di oliva
sale



Preparazione:

Si lavano i peperoni e si arrossiscono interi su una piastra. Una volta arrostiti si mettono in un sacchetto di carta del pane; si fanno raffreddare e si toglie la pelle i semi ed i filamenti.  Si tagliano i peperoni a striscioline, si condiscono con sale, pepe aglio e prezzemolo.
Nel frattempo dopo aver lavato e pulito bene le cozze, si fanno aprire in una teglia coperta. Una volta aperte, si tolgono dalle valve e si mette da parte la loro acqua.
In una teglia si trasferiscono i peperoni conditi, si bagnano con un cucchiaio dell’acqua delle cozze, si aggiungono le cozze, si spolvera con il pangrattato e si mette in forno caldo a 180° C fino a che sarà gratinato. 






lunedì 2 agosto 2021

Gelato al caffè, cannella e gocce di cioccolato

La base è la famosa ricetta di Nigella Lawson One-step no-churn Coffee ice cream tratta da Nigellissima, vale a dire del “Gelato al caffè” fatto con panna, latte condensato e caffè espresso in polvere. Io ho aggiunto anche il Baileys e l’ho servito con cannella  e gocce di cioccolato.




Gelato al caffè, cannella e gocce di cioccolato




Ingredienti:

Un contenitore ermetico da  circa 1 kg 


300 ml circa di panna da montare fredda
175 g di latte condensato zuccherato
2 cucchiai di caffè espresso in polvere 
2 cucchiai di liquore al caffè o altro a piacere, io Baileys
gocce di cioccolato
cannella

Preparazione:

Si mette il latte condensato in una ciotola, si unisce la polvere di caffè espresso e il liquore, io il Baileys, si amalgama il tutto.
In un’altra ciotola si monta la panna*, ben fredda di frigo, a neve ferma. Si unisce pian paino la panna alla miscela di latte condensato e caffè, con movimenti dall’alto verso il basso, senza smontarla.
Si versa il tutto in un contenitore con il coperchio, si mette in congelatore minimo per 6 ore, meglio tutta la notte.  
Si serve con una spolverata di cannella e gocce di cioccolato.

 
*Prima di iniziare a montare la panna è consigliabile mettere la ciotola e le fruste in frigorifero per alcune ore, in modo da facilitare la montatura.






giovedì 29 luglio 2021

Friggitelli ripieni alla pizzaiola

 Ricetta vista nel sito del famoso chef Bruno Barbieri, sono dei friggitelli ripieni di pane insaporito con capperi, pomodoro ed origano; con un breve passaggio al forno. 
Lo chef li ha presentati su pane pugliese bruschettato all’aglio, io li ho messi su delle Frese lunghe.



Friggitelli ripieni alla pizzaiola





Ingredienti:

16 peperoni friggitelli
200 g di salsa di pomodoro
3 fette di pane possibilmente pugliese
2 cucchiai di capperi sotto sale
origano secco 
olio extravergine di oliva
sale
pepe nero



Preparazione:

In una padella si mette un filo di olio extra vergine di oliva, si dispongono le fette di pane ed il pomodoro, si aggiungono i capperi in precedenza dissalati, l’origano e si cuoce per alcuni minuti, si sala e si pepa. Si trasferisce il tutto in un piatto e si taglia al coltello il pane ammorbidito.

Si tagliano le estremità dei peperoni friggitelli dalla parte del picciolo, si svuotano dei semini, si farciscono con il pane condito, si mettono in una teglia coperta di carta forno. Si aggiunge un filo di olio extra vergine di oliva.
Si mete in forno caldo a 180° C per 5 minuti (io di più), fino a quando risultano cotti.



lunedì 26 luglio 2021

Polpette di zucchine con provolone piccante

Le polpette sono sempre gradite, se sono di verdure anche di più. Queste sono di zucchine,  provolone piccante, aromatizzate con zenzero, erba cipollina, menta e maggiorana.




Polpette di zucchine con provolone piccante


Ingredienti:

4 zucchine romane
4 fette di pancarré
60 g di provolone piccante
1 uova
1 cm di radice di zenzero
erba cipollina
maggiorana
menta
olio extra vergine di oliva
sale
pepe nero

farina quanto basta
olio di semi di arachide per friggere


Preparazione:

In una ciotola si spezzata il pane, si aggiunge un po’ di acqua per farlo ammollare. Con una grattugia si tagliano le zucchine, si unisce il provolone grattato, l’erba cipollina, la maggiorana, la menta, lo zenzero grattato, un filo di olio extra vergine di oliva, sale, pepe nero e l’uovo. Si mescola il tutto.  Si lascia riposare per 20 minuti.
Si formano delle palline si passano nella farina. Si fanno cuocere in olio di semi di arachide caldo da entrambi i lati.
Si scolano e si fanno asciugare dall’olio in eccesso.





giovedì 22 luglio 2021

Flognarde alle albicocche e mandorle

Flognarde o Flaugnarde è il nome che prende il Clafoutis, dolce al cucchiaio tipico francese, quando non si usano le ciliegie, ma altri frutti.
Questa volta ho utilizzato le albicocche aromatizzate all’esenza di vaniglia e lamelle di mandorle.

Altre idee:





Flognarde alle albicocche e mandorle







Ingredienti:

per 2 persone

200 g circa di albicocche senza noccioli
125 ml di latte intero
40 g di farina 00
30 g di zucchero
25 g di burro
1 uovo grande
1 cucchiaio di zucchero semolato
alcune gocce di essenza di vaniglia
mandorle a lamelle
zucchero a velo


Preparazione:

Si tagliano le albicocche a metà si mettono in una ciotola e si aggiunge essenza di vaniglia e il cucchiaio di zucchero.
Si fa sciogliere il burro, e si lascia intiepidire.
In una ciotola si sbatte l’uovo con lo zucchero, si unisce la farina setacciata, il burro fuso e poco per volta il latte.
Si travasano le albicocche in uno stampo, si unisce il composto e sopra si aggiungono le lamelle di mandorle. 
Si mette in forno caldo a 180° C per 30-50 minuti, finché non sarà rassodato.
Si sforna e si lascia intiepidire, poi si spolvera con lo zucchero a velo.



lunedì 19 luglio 2021

Menemen

Menemen è un piatto turco che consiste nella cottura di peperoni piccoli verdi, pomodori, cipolla a cui vengono unite alla fine le uova. Si possono aggiungere altri ingredienti come la feta o altra tipo di formaggio fresco. In genere viene servito a colazione accompagnato da pane, olive, formaggio ed il tè.
Il Menemen assomiglia alla Shakshuka,  piatto nord africano, che adoro; la differenza sostanziale che nel Menemen le uova sono amalgamate agli altri ingredienti, potremo dire “strapazzate”, mentre nelle  Shakshuka sono intere.
Sono piatti in cui è immancabile la scarpetta!




Menemen






La ricetta è tratta da Eat Istanbul. Viaggio nel cuore della cucina turca  di Andy Harris, David Loftus 

Ingredienti:

4 uova
3  friggitelli 
2 pomodori ramati
1 peperone piccolo rosso (mia aggiunta)
1 cipolla
olio extra vergine di oliva
sale
pizzico di zucchero
peperoncino
prezzemolo


Preparazione:

In una padella si fa soffriggere la cipolla tagliata a fette nell’olio extravergine di oliva, si aggiungono i friggitelli e il peperone tagliato a listarelle, una volta scottati si aggiunge i pomodori a pezzetti, si mette lo zucchero, si  sala e si aggiunge il peperoncino, si lascia cuocere fino a che saranno morbidi.
Si rompono le uova in un piatto e si sbattono, si uniscono al sugo e si mescola fino a quando saranno rapprese.
Si aggiunge del prezzemolo tritato e si serve nella stessa padella. A piacere si aggiunge la feta sbriciolata.