mercoledì 12 ottobre 2011

Mezze maniche con fagioli corallo e pesto aromatico

A Roma sono chiamati fagioli o fagiolini a corallo in altre parti d’Italia taccole. Questa differenza me l’ha fatta ben notare il mio fruttivendolo tempo fa. Gli chiesi di farmi 1 kg di taccole mi guardò in modo strano e mi disse “Ma che so’?”; l’indicai come fanno i bambini -non mi veniva fagioli a corallo- e lui mi risposte “Ma tu non sei romana!”. Da allora ogni volta che li prendo specifico che voglio i fagioli corallo.
Ho pensato di abbinarli ad un pesto aromatico di menta, basilico, mandorle e zenzero per condire la pasta, le mezze maniche.








Ingredienti:
380 g di mezze maniche rigate
200 g di fagioli a corallo o taccole
50 g di mandorle
50 g di ricotta dura salata
1 ciuffo di basilico
1 ciuffo di menta
1 spicchio di aglio
1 cucchiaino di zenzero in polvere
olio extra vergine di oliva
sale
pepe


Preparazione:
Dopo aver lavato e asciugato il basilico e la menta si mettono nel mixer con lo spicchio di aglio e le mandorle; si frulla unendo man mano l’olio extra vergine di oliva fino ad ottenere una salsa cremosa.
Si mondano i fagioli corallo eliminando le estremità, si lavano per bene e si fanno bollire in acqua calda leggermente salata per 10 minuti.
Si cuoce la pasta, si scola conservando un po’ di acqua di cottura (si aggiunge nel caso dovesse essere troppa asciutta), si trasferisce in una zuppiera, si condisce con il pesto, i fagioli corallo tagliati a pezzetti, parte della ricotta salata grattugiata, una spolverata di pepe e di zenzero.
S’impiatta si aggiunge un filo di olio, una spolverata di ricotta salata e un pizzico di zenzero.










Con questa ricetta partecipo al contest  Che Pesto ti frulla? dei blog  Dolcezze di Nonna Papera,  Dolcipensieri e  MyRicettarium 







Con questa ricetta partecipo al contest del blog La stufa economica, Spezie ed erbe aromatiche














19 commenti:

  1. Pensa che io li ho sempre chiamati “piattoni” o “aquilani” !!! Nome diverso ma stessa sostanza, questi fagiolini sono buonissimi e l’abbinamento col tuo pesto profumato mi ispira un sacco. Mi piace proprio l’idea del pesto di menta zenzeroso :) Un bacio, buona giornata

    RispondiElimina
  2. Che piatto particolare hai realizzato! Molto originale! Immagino che gusto! Sei stata davvero brava! Un bacione!

    RispondiElimina
  3. al mio paese in prov di VT si chiamano fagiolini "ciatti" ovvero schiacciati, sottili. Sono buonissimi e in questa manera mi piacerebbe molto provarli. Bella l'idea di aggiungere menta e zenzero 8che io metterei ovunque). un bacione

    RispondiElimina
  4. Da me si chiamano taccole, resta il fatto che sempre alla famiglia dei fagioli appartengono...
    ottimo questo pesto con zenzero e menta!

    RispondiElimina
  5. questo piatto piace da pazzi al mio compagno secondo me! buon'idea!

    RispondiElimina
  6. Ma che buono questo piatto!!! Bravissima!!!

    RispondiElimina
  7. Un insieme molto profumato, e poi la ricotta salata che mi ricorda la cucina di mia madre.
    Che meraviglioso piatto :D

    RispondiElimina
  8. Da noi c'è sempre questo problema linguistico, l'ho provato quando molti anni fa venni a vivere a Milano e tanti, ma davvero tanti, prodotti qui si chiamano in un modo completamente diverso da come vengono chiamati a Napoli.
    Comunque, io le ho sempre chiamate taccole e mi piacciono tanto.
    La tua pasta è davvero molto invitante!

    Baci

    Giovanna

    RispondiElimina
  9. Che meraviglia questa pasta, buona ed originale! :)

    RispondiElimina
  10. Fr@ ma che sapore hanno le taccole? Dalle mie parti non le ho mai viste.
    Bella ricetta.

    RispondiElimina
  11. Mi piace questa cosa sto scoprendo altri nomi per questo legume: “piattoni” o “aquilani”, fagiolini "ciatti". Grazie a tutte.

    @Maria hanno un sapore tipo i fagiolini o cornetti (forse hanno anche altri nomi che io non conosco).

    RispondiElimina
  12. Ottima idea! Adesso pero' devo scoprire come si dice taccole in inglese....

    RispondiElimina
  13. Buoni i piattoni!!!! :))
    Hai realizzato un piatto fantastico, e che meraviglia quel pesto, bravissima! :)

    RispondiElimina
  14. Anche io li conosco come piattoni o taccole...ma cambiando il nome non cambia la sostanza e l'ottimo piatto che ne hai preparato!
    ciao loredana

    RispondiElimina
  15. Una vera delizia questo piatto!! Ci credi che, nonostante sia romana e li ho sempre mangiati fin da piccola, non li ho mai mangiati con la pasta? Devono essere proprio buonissimi e quindi una ricetta da provare!!!
    Con l' occasione volevo invitarti a partecipare al mio 1° contest!!!
    http://idolcinellamente.blogspot.com/2011/10/regali-dalla-mia-cucina-golosita-e-non.html
    Vieni a vedere che ci divertiremo!! Un bacione...

    RispondiElimina
  16. Li conosco come taccole ...deliziosa ricetta ♥
    ciao

    RispondiElimina
  17. Un piatto invitantissimo e gustoso!!!! Complimenti cara, un abbraccio e felice giornata

    RispondiElimina
  18. pensa che da noi si chiamano ancora diversamente... ecco in questo momento però mi sfugge! ;))
    Il tuo piatto, qualsiasi sia il nome dei "fagiolini" è invitantissimo. Il pesto al besilico e menta dev'essere moloto gustoso. Proverò. Un bacione

    RispondiElimina
  19. ...ed io che le ho sempre chiamate sempre e solo taccole ^_^

    Ciao cara, buon fine settimana e... ottimo primo piatto!

    Tiziana

    RispondiElimina

Grazie per i commenti e consigli, sono sempre ben accetti.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...