lunedì 26 maggio 2014

Crostata tenera

Lo spunto per questa crostata l’ho preso da un interessante libro della scrittrice Alice B. Toklas, inseparabile compagna di vita della poetessa, scrittrice, collezionista e mecenate Gertrude Stein. Le due donne vivevano a Parigi nella primo quarantennio del Novecento e il loro salotto fu frequentato da artisti e letterati come Picasso, Matisse, Hemingway, Fitzgerald ed altri.
Dora Maar ritratto di Alice B. Toklas seduta con il cane
Dora Maar, Alice B. Toklas
Dopo la morte di Stein (1946) un editore chiese a Toklas di scrivere le sue memorie, lei risposte che al massimo poteva scrivere un libro di cucina. L’editore “l’accontentò” e nel 1954 uscì in America il libro dal titolo: The Alice B. Toklas Cook Book che è una raccolta di ricordi, aneddoti, opinioni su argomenti artistici e culinari conditi da idee e suggerimenti di ricette. In Italia è uscito l’anno scorso con il titolo: I biscotti di Baudelaire, edito da Bollati Boringhieri; il titolo prende spunto dalla ricetta dei biscotti ispirati a I paradisi artificiali di Baudelaire, composti di un insieme di spezie, frutta secca e canapa sativa. 
La ricetta che propongo oggi nella traduzione italiana ha il titolo Torta tenera, mentre nella versione originale ha il titolo A tendert tart, ho preferito riprendere il titolo originale.
L’autrice ha avuto la ricettta della crostata dal cuoco austriaco che per un periodo di tempo lavorò per loro. Toklas raccontava che il cuoco adorava preparare torte di varie forme, ispirandosi alle persone che le dedicava, ad esempio per Gertrude Stein a forma di libro e per lei a forma del suo inseparabile cane. 
Proprio con il suo inseparabile cane la ritrasse nel 1952 la fotografa e pittrice Dora Maar. Anni prima il suo ex compagno Picasso aveva ritratto Gertrude Stein (1905-1906), sua amica e mecenate.







Crostata ripiena di nocciole tritate e zucchero



Ho trascritto le dosi originali della ricetta. Tra parentesi sono le mie dosi (non la conversione della quantità degli ingredienti), per uno stampo di 20 cm di diametro.

Pasta:
1 tazza e 2 cucchiai di farina (160 g di farina  00) 
Mezza tazza e 1 cucchiaio di burro (100 g di burro) 
1 tuorlo d’uovo (1 tuorlo piccolo)          
acqua  (50 ml circa di acqua)              

Ripieno:
1 tazza più 2 cucchiai di zucchero (100 g di zucchero)       
1 tazza di nocciole tritate (65 g di nocciole tritate)
2 uova  (1 uovo)                       
1 cucchiaino di vaniglia (1 cucchiaino di Passito di Pantelleria)

zucchero a velo (aggiunta)

Preparazione:
In una ciotola si mette la farina setacciata, il burro tagliato a pezzetti; si lavora il tutto rapidamente con le punte delle dita, si unisce il tuorlo e l’acqua. Si lavora velocemente il tutto sempre con la punta delle dita, fino ad ottenere un impasto compatto liscio ed abbastanza elastico. Si forma un panetto si avvolge nella pellicola trasparente e si mette in frigo (per mezz’ora).

In una ciotola si mescola (si precisa di non sbattere) le uova con lo zucchero per 20 minuti (sì per 20 minuti!). Poi si aggiunge la vaniglia (Passito di Pantelleria) e le nocciole tritate.

Si prende la pasta, con una parte si stende un disco per rivestire la teglia, si bucherella il fondo e si versa il ripieno di uova e nocciole. Con la restante pasta si forma un altro disco leggermente più piccolo, si mette sopra e si saldano bene i bordi.
S’inforna in forno caldo a 180° C minimo 30 minuti. Io l’ho tenuta un po’ di più, dipende dal proprio forno. Una volta fredda ho coprarso lo zucchero a velo.






19 commenti:

  1. Mamma mia.. ma deve essere ottima con quel ripieno di nocciole!!!!!! baciotti e buona settimana :-)

    RispondiElimina
  2. Che delizia solo a guardarla ho l'acquolina.
    Baci

    RispondiElimina
  3. una ricetta nuova per me, proprio golosa ed invitante, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  4. Mi hai conquistata già con la foto, poi ho letto la ricetta e l'ho segnata , complimenti Francesca , una crostata da 10 e lode . Un abbraccio, buona settimana Daniela.

    RispondiElimina
  5. il ripieno di questa crostata dev'essere godurioso :) un bacio, buona settimana

    RispondiElimina
  6. sento già la scioglievolezza del sapore in bocca!

    RispondiElimina
  7. Con quel ripieno ho già gli occhi a cuore!!!!

    RispondiElimina
  8. Come sempre i tuoi parallelismi e le fonti di ispirazione ti fanno onore. Questa torta dev'essere la fine del mondo. Grande Fra!!

    RispondiElimina
  9. E' bellissimo quel libro ed è deliziosa la tua crostata, brava Fra!

    RispondiElimina
  10. un crostata dal gusto unico, con questo post mi hai fatto scoprire non solo una nuova ricetta ma anche una storia affascinante

    RispondiElimina
  11. Mi piacerebbe approfondire la conoscenza di questo personaggio interessante...Alice Toklas deve averne viste e sentite di tutti i colori! Questa crostata è ripiena di poesia oltre che di bontà! Bravissima Francesca! A presto, Mary

    RispondiElimina
  12. Il libro sembra molto interessante, ci piace questo intrigante mix di arte, letteratura e cucina! Grazie per aver condiviso questa ricetta ricca di storia! Buonanotte, un bacio!

    RispondiElimina
  13. slurp! e bella la storia! Un caro saluto!

    RispondiElimina
  14. non conoscevo questa storia interessante che mi piacerebbe approfondire. Il ripieno della crostata alle nocciole, lo trovo squisito!!!

    RispondiElimina
  15. preferisco la crostata tradizionale, con marmellata degna di tale nome, o, in golosa alternativa, con la nutella!

    RispondiElimina
  16. uhhh, meraviglia questo dolce! Adoro quei ripieni morbidi circondati da una frolla così delicata e deliziosa...

    RispondiElimina
  17. Mamma mia a guardarla viene subito volgia di prenderne una forchettata! Ha una consistenza meravigliosa, e dalla foto c'è tutta. Un saluto

    RispondiElimina

Grazie per i commenti e consigli, sono sempre ben accetti.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...