lunedì 9 dicembre 2013

Farro con verdure e salsa di soia




Giuseppe Artioli, Natura morta con cipolle, verza e carota

Giuseppe Artioli, Natura morta con cipolle, verza e carota
Fondazione Cassa di Risparmio di Cento



Il dipinto del pittore centese Giuseppe Artioli fu acquisto alcuni fa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Cento in un'asta di Christie's. Nel retro del quadro c’è un’iscrizione in latino dove si ricorda che il quadro fu eseguito ad encausto a Mantova l’8 dicembre del 1784 con la consulenza e l'aiuto del patrizio Giuseppe Bianchi.
Il dipinto è un'interessante testimonianza del ritorno all’antica tecnica pittorica greca e romana dell’encausto, in cui i pigmenti erano mescolati alla cera; sostenuta dal marchese Giuseppe Bianchi che aveva organizzato a Mantova all'interno del suo palazzo (oggi Palazzo Castiglioni o Bonacolsi) un laboratorio di pittura ad encausto. Il suo interesse era nato dopo gli scavi di Ercolano e Pompei (1738 e 1748) che avevano portato alla luce dipinti murali e mosaici antichi, ed alla lettura dei Saggi sul ristabilimento dell'antica arte de’ Greci e de’ Romani Pittori (Venezia, 1784) del gesuita spagnolo Vincenzo Requeno y Vives che, oltre a descrivere le tecniche antiche dell’encausto già menzionate da Plinio il vecchio nella Naturalis Historia, ne sperimentava delle nuove.
Giuseppe Artioli in questo quadro dispone le verdure semplicemente su una mensola di pietra, come in un antico affresco pompeiano, facendole emergere dallo sfondo grazie all'uso sapiente della luce.
Queste verdure raffigurate nel quadro: verza, cipolla e carota, a cui ho aggiunto anche il sedano, sono state lo spunto per condire il farro. Tutti alimenti base della nutrizione dei romani (infatti le verdure raffigurate dall’artista non erano state scelte a caso). Il cavolo verza era considerato dai romani una pianta miracolosa per il suo potere curativo ed i suoi effetti benefici ed insieme alla cipolla era il cibo principale degli equipaggi delle navi; così come il farro era l’alimento dei legionari. A questi ho aggiunto la salsa di soia - introdotta nel Settecento in Francia, grazie ad alcuni missionari ai tempi di Luigi XV - che con la sua sapidità ha dato un sapore in più alle verdure. E’ un piatto semplice e veloce.




Farro con cavolo verza sedano carota cipolla e salsa di soia


Ingredienti:
380 g di farro perlato
250 g di cavolo verza
1 cipolla 
1 costa di sedano
1 carota
1 spicchio di aglio
1 cucchiaio di salsa di soia
olio extra vergine di oliva
sale
pepe


Preparazione:
Si taglia a tocchetti il cavolo verza, la carota, il sedano, la cipolla e lo spicchio di aglio. Si fa scaldare l’olio extra vergine in una larga padella e si mettono le verdure, si fanno saltare per 5-8 minuti, si aggiunge un pizzico di sale e si pepa; le verdure devono rimanere croccanti. Si aggiunge la salsa di soia e si lascia insaporire per alcuni minuti.
Nel frattempo si fa cuocere il farro perlato in abbondante acqua calda; una volta cotto si aggiunge alle verdure e si fa saltare per far amalgamare i sapori.







21 commenti:

  1. ciao Fr@,
    ma che meraviglia l'accostamento del quadro con la tua ricetta!
    Come sempre sei una vera artista!
    Un bacio dalle 4 apine

    RispondiElimina
  2. Un piatto sano ma ricchissimo di gusto e di colori, splendido!!

    RispondiElimina
  3. Adoro le ricette ispirate dall'arte! E mi piace tanto il tuo farro!

    RispondiElimina
  4. Mi piacciono da morire questi piatti.. e spesso vorrei anche io utilizzare il farro al posto dlla pasta.. ma al mio fidanzato non è che piaccia molto. grrr baciotti e buon lunedì :-)

    RispondiElimina
  5. sempre bvuono il farro,anche d'inverno!

    RispondiElimina
  6. Hai preso spunto da un quadro, ma che bello!!! Ottima la ricetta, prendo nota!!!
    Un abbraccio!!!!

    RispondiElimina
  7. Che bel piatto colorato, un concentrato di bontà e salute :) Un bacio, buona settimana

    RispondiElimina
  8. Abbiamo riscoperto il farro ed assieme alle verdure favoloso. Grazie e buona settimana.

    RispondiElimina
  9. Adoro il farro e questa ricetta è davvero sfiziosissima. Buona serata Daniela.

    RispondiElimina
  10. un piatto salutare che mi piacerebbe assaggiare,segno tutto !

    RispondiElimina
  11. un piatto sano e nutriente, tipico dell'inverno. Bravissima

    RispondiElimina
  12. sano, gustoso colorato e allegro: non è facile mettere tutto insieme ma tu ci sei riuscita!

    RispondiElimina
  13. Un bel quadro e un bel piatto, sano e saporito, mi piace molto il farro, grazie per la ricetta
    un abbraccio

    RispondiElimina
  14. Anche il tuo piatto sembra un dipinto! :)
    Bellissimo!

    RispondiElimina
  15. Mi hai descritto il quadro e te ne sono grata,ho potuto apprezzarlo di più!Come ho potuto apprezzare il tuo farro che si è riempito dei colori del bel quadro,complimenti cara!Un bacione!

    RispondiElimina
  16. adoro il tocco con la salsa di soia.. buonissimo questo farro!
    grazie per la descrizione del quadro.. ;-)
    bacio

    RispondiElimina
  17. ottima scelta preabbuffate questo piatto sano e gustoso!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  18. Fra tesoro ci hai regalato un parallelismo perfetto... una ricetta contaminata dall'arte... ha sempre un gusto speciale e denso di significati... non ultimo un comfort perfetto e golosissimo:*

    RispondiElimina

Grazie per i commenti e consigli, sono sempre ben accetti.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...